CLAUDIO PIASTRA AND JAZZ PIANO TRIO

Claudio Piastra chitarra
Simone Pagani pianoforte
Franco Catalini contrabbasso
Massimo Melillo batteria
Il Classico incontra il Jazz

Claudio Piastra. “In assoluto una delle più interessanti registrazioni dedicate a Schubert, un cd da non perdere”, questa la motiviazione del prestigioso “Globe” dell’American Records Guide per uno dei suoi CD. Claudio Piastra dopo la prima registrazione integrale in sovraincisione dei 24 Preludi e Fughe per 2 chitarre di Castelnuovo-Tedesco (giunta alla terza edizione a cura della Warner Fonit) ha pubblicato una ventina di CD, spesso segnalati dalla critica in maniera entusiasta, per: Fonit Cetra, Europa Musica, Koch International, Mondo Musica, Warner Fonit, Tempus, Le Chant de Linos. Attivo anche nel campo editoriale con 45 volumi di cui è stato revisore e curatore per Carish, Mnemes, Suvini Zerboni, Berbén. Nato a Parma, Claudio ha tenuto più di 1000 concerti in Festival e Rassegne internazionali in tutto il mondo sia come solista che collaborando con orchestre, direttori e solisti fra i più prestigiosi del panorama musicale. Numerose sono le sue partecipazioni a programmi televisivi e altrettanto frequente è la sua presenza in trasmissioni radiofoniche che spesso gli hanno dedicato programmi monografici. Titolare di cattedra presso l'Istituto Superiore di Studi Musicali "Achille Peri" di Reggio Emilia, è stato invitato regolarmente a tenere master in Italia e all’estero (Canada, Francia, Austria, Brasile, Uruguay, Spagna). Chiamato nel 2010 a tenere un master annuale di chitarra presso l’Accademia di Belle Arti Tadini di Lovere (Bergamo), dal 2011 ne ha assunto la direzione artistica delle rassegne musicali, delle Scuole di Musica e del Festival Musicale Onde Musicali sul Lago d’Iseo. Da 11 anni è inoltre Direttore artistico della Stagione Concerti “A Tu per Tu” presso la Rocca di Sala Baganza (Parma).

Simone Pagani dopo aver frequentato il Civico Istituto Musicale “G. Donizetti”, ha conseguito brillantemente il diploma in pianoforte sotto la guida della prof.ssa Fernanda Scarpellini. Si è poi perfezionato ai Corsi Internazionali con i Maestri Bruno Mezzena all’Accademia Musicale Pescarese, dove ha ottenuto il Diploma di Merito al Corso per Pianoforte e Orchestra, quindi a Conegliano Veneto e a Boario Terme; con Mario Delli Ponti e Piero Rattalino a Chioggia; con il M.° Fausto Zadra a l’Ecole International de Piano a Losanna. È risultato 4° al Concorso Pianistico Internazionale di Capri; 1° al Concorso Nazionale di Genova e ad Acqui Terme al Concorso di Musica da Camera nella formazione di TRIO (pfte. fg. cl.); 2° in quella di DUO (pfte. cl.). Ha partecipato ad importanti rassegne e festival musicali in Italia, Argentina, Francia, Spagna, Austria, Belgio in veste di solista, con l’Orchestra e in formazioni cameristiche dal Duo all’Ensemble di Fiati “Bearcream ”, il gruppo “Euterpe” e il gruppo di Archi ”I Musici di Vivaldi”. È stato assistente e coadiutore ai Corsi di perfezionamento per Pianoforte e Orchestra tenuti dai Maestri: A De Raco, F. Zadra ed A Delle Vigne ed è stato membro di giuria in Concorsi Pianistici. Ha suonato con la Mediterranean Symphony Orchestra, la Kammermusik di Napoli , l’Orchestra Giovanile Fiamminga, del Festival Mozart, della Radio Televisione Rumena, la Sinfonica Municipal di Gral San Martin (Argentina), l’Orchestra da Camera e la Stabile “G. Donizetti” di Bergamo, la Sinfonietta Italiana, la Filarmonica “Paul Costantinescu” di Bucarest e la Sinfonica “Il Suono e Il Tempo”, dirette tutte da bacchette di comprovata esperienza.

Franco Catalini ha iniziato a studiare contrabbasso all’età di 14 anni presso il Conservatorio Statale di Musica “F. Venezze” di Rovigo, sotto la guida del Maestro F. Acocella di Firenze, diplomandosi a 20 anni con il massimo dei voti. Dopo gli studi si è perfezionato all’Accademia Musicale di Wroclaw (Breslavia) in Polonia, ottenendo il diploma di merito sotto la guida del Maestro A.Kresta (primo contrabbasso Filarmonica di Wroclaw) eseguendo concerti da solista nei maggiori centri concertistici. Successivamente ha seguito i corsi del Maestro Ludwig Streicher in Italia e all’Accademia musicale di Vienna. Negli anni 1984 e 1985 ha vinto sia il concorso per l’Ochestra Giovanile Europea (E.c.y.o.) sia quello per l’Orchestra Giovanile Italiana. Con l’Orchestra Europea è stato diretto nei più prestigiosi teatri del mondo da vari direttori di fama mondiale tra i quali: A. Dorati, L. Bernstein, C. Abbado, ottenendo da quest’ultimo una referenza di merito e il posto di primo contrabbasso nel corso della tournée finale. Nel Febbraio del 1984 ha ricevuto il premio per la rassegna nazionale “I nuovi talenti”. Collabora con orchestre da camera e sinfoniche anche in veste di primo contrabbasso, tra le quali: Orchestra da Camera di Padova e del Veneto, Orchestra Arturo Toscanini di Parma, l’Orchestra regionale Toscana, Ente Lirico Arena di Verona, Teatro la Fenice. Svolge inoltre intensa attività concertistica in duo con pianoforte e in duo con violoncello ottenendo sempre favorevoli giudizi della critica. Ha partecipato anche a rassegne di musica contemporanea tra le quali gli Incontri Musicali organizzati dall’Istituto di cultura “Casa Giorgio Cini” di Ferrara eseguendo il Concerto per contrabbasso e pianoforte di Hans Werner Henze. Ha partecipato a numerose incisioni discografiche per le quali nel 1995 ha ottenuto, con il Quintetto “L’Arte dell’arco” (fondato dal Maestro Giovanni Guglielmo), il Premio Internazionale del Disco Antonio Vivaldi (Fondazione Giorgio Cini di Venezia). Attualmente collabora in qualità di primo contrabbasso nel gruppo “I Virtuosi Italiani”. È docente di contrabbasso al Conservatorio “A. Buzzolla” di Adria.

Massimo Melillo, docente di Strumenti a Percussioni presso il liceo musicale “Cavour” di Torino, è nato nel 1980 ed ha studiato al conservatorio di Torino sotto la guida del maestro Matteo Moretti, diplomandosi nel 2002 con il massimo dei voti. Ha seguito i corsi di perfezionato di Marimba con il maestro Riccardo Balbinutti e presso l’Accademia Internazionale della Musica di Milano con i maestri David Searcy, Jonathan Scully e Mike Queen, approfondendo lo studio dei Timpani e del repertorio orchestrale. Durante gli anni di formazione ha ottenuto una borsa di studio da parte della “NJO Summer Accademy” partecipando ad un corso di formazione orchestrale, tra cui spicca un concerto di musiche di Gyorgy Kurtàg in sua presenza presso la sala concerti del Concertgebouw di Amsterdam. Fu selezionato dall’Orchestra Europea del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto per il progetto “l’Arte della fuga” che è stato presentato a Spoleto e poi esportato in diverse città europee, coordinato da Michelangelo Zurletti, Luciano Berio e finanziato dalla Comunità Europea. Con il “Quintetto di percussioni di Torino” ha vinto l’edizione 2000 del concorso di musica da camera di Venaria Reale dedicato a Luigi Nono. Nel Gennaio 2003 si è esibito come solista in un concerto organizzato dall’International Inner Wheel Club di Torino nella sala del Piccolo Regio di Torino in un concerto di presentazione dei migliori diplomati dell’anno accademico 2001/02 del conservatorio. Ha suonato e ha collaborato con diversi enti lirici e sinfonici (Orchestra G.Verdi di Milano, Orchestra I Pomeriggi Musicali di Milano, Teatro Regio di Torino, Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, Teatro La fenice di Venezia, Teatro la Comunale di Bologna, Orchestra di Padova e del Veneto, Teatro dell'Opera di Roma, Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, Teatro Massimo di Palermo) ed è stato diretto da diversi direttori tra cui Muti, Noseda, Conlon, Dutoit, Valcuha, Sado, Temirkanov. Come batterista si forma grazie al maestro Marco Volpe. Si esibisce presso il Jazz Club di Torino, il festival Jazz di Avigliana e collabora con l’Orchestra Verdi di Milano.

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.

Ok